Diciamolo onestamente… girare video in verticale fino a un decennio fa era qualcosa di per niente usuale. Con l’avvento dei social media e il sempre più frequente utilizzo di smartphone nel nostro quotidiano le cose sono cambiate.

Nell’articolo di oggi affronteremo proprio questo tema. In particolare vedremo i pro e i contro di girare video in verticale con la vostra videocamera e vi daremo 7 consigli per migliorare le vostre riprese in questo formato.

Breve premessa. Con questo articolo non vogliamo spingervi a girare video soltanto in verticale, ma darvi una panoramica della loro potenzialità e suggervi alcune tips per creare clip verticali di alta qualità.

Ok, ora possiamo iniziare.

 Pro e contro di girare video in verticale

Non si può, come dicevamo nell’introduzione, non ammettere che oggigiorno tutti noi utilizziamo quotidianamente dispositivi mobili come i moderni smartphone. Proprio per questo motivo, il formato più comune di fruire video, spesso avviene in verticale da queste piccole apparecchiature alla portata della nostra mano.

 Si stima che oltre il 75% delle persone che usano i social media fruiscano video dal loro cellulare. Per il pubblico è più probabile che durante lo scrolling sui social, un video in verticale desti più interesse e curiosità rispetto a un video in orizzontale.

Come mai avviene questo?

La risposta è molto semplice: un video in verticale postato sui social trasmette un’esperienza più immersiva dal momento che occupa più spazio sullo schermo del telefono.

Da qui si può già facilmente dedurre quanto sia importante per un videomaker iniziare a girare video mobile-friendly. Condividere video in verticale sui vostri account social, come Instagram o Tik Tok, eleverà i vostri contenuti e vi permetterà di essere notati da più persone.

Tuttavia, girare video in verticale con la propria videocamera comporta qualche contro.

Con il classico formato orizzontale a cui siamo sempre stati abituati è più semplice tenere il soggetto all’interno dell’inquadratura. Questo perché vi è molto spazio da sinistra a destra.

Al contrario, è significativamente più difficile seguire un soggetto quando si gira un video in modalità verticale. Basta un passo un po’ più lungo e il vostro soggetto sarà uscito dall’inquadratura.

Non temete però perché oggi siamo qui per darvi utili suggerimenti per girare video in verticale al meglio.

  1. ORIENTAMENTO DELLA CAMERA

Fidatevi: capovolgete la vostra videocamera di lato. Non fate l’errore di impugnarla in modo orizzontale come fate normalmente e croppare lo spazio ai lati in post. Così facendo il video perderà drasticamente in qualità.

Quando guardate un reel o una storia su Instagram in piena risoluzione, esse saranno 1080×1920 pixel, con una proporzione pari a 9:16.

Assicuratevi quindi di usare tutti i pixel che il sensore della vostra camera vi offre.

  1. ATTREZZATURE PER RIPRESE  A MANO LIBERA 

Tra gli accessori più utili quando si girano video in verticale a mano libera c’è il battery grip. Questa “maniglia” vi faciliterà ad impugnare la camera in verticale. In tal modo le vostre riprese acquisiranno un tocco molto più fluido e naturale. Se il vostro budget ve lo permette, potreste pensare di acquistare un camera cage. Potete fare in modo di avere punti di montaggio su tutti e quattro i lati del cage e questo vi tornerà davvero utile in molte situazioni.

A tal proposito, se siete interessati a migliorare la qualità dei vostri video a mano libera abbiamo scritto un articolo proprio su questo argomento. Basta che clicchiate qui per leggerlo.

  1. ATTREZZATURE PER STABILIZZARE LE RIPRESE IN VERTICALE

Sia che abbiate una glidecam, un gimbal, uno spallaccio o anche soltanto un treppiede c’è un accessorio che non può mancare: la ”staffa a L”.

A che cosa serve la cosiddetta L bracket?

Si attacca alla parte interiore della camera come una qualsiasi altra piastra e, grazie alla sua forma a L, si avvolge alla camera. Ciò vi permette di avere ulteriori punti di montaggio per fissare un’altra piastra dove far scivolare il vostro stabilizzatore

  1. SEGUIRE IL SOGGETTO IN MOVIMENTO

Vi diamo ora tre consigli per mantenere il vostro soggetto all’interno dell’inquadratura.

Praticate e ripraticate i movimenti di camera senza aspettarvi di ottenere la clip perfetta al primo colpo. Spesso ne girerete almeno 3 o anche di più. Mettete in atto quella che viene definita memoria muscolare. Eseguite lo stesso movimento alcune volte e vedrete che la clip giusta arriverà prima di quanto pensiate.

Anticipate i movimenti del soggetto guardandolo direttamente e non tenete lo sguardo fisso solo sullo schermo della videocamera.

Distanziatevi dal vostro soggetto un po’ di più rispetto a come fareste se steste girando in orizzontale. Anche qui vale la stessa cosa detta al punto 1: meglio evitare di croppare in post produzione perché si va a perdere qualità nel filmato. 

  1. COMPOSIZIONE

Anche per i video in verticali vale la regola dei terzi. Cercate di mantenere il soggetto su o in mezzo alle due line verticali e l’orizzonte su una delle linee orizzontali. Un’altra cosa da tenere assolutamente in mente è il formato verticale in cui pubblicare il video. Non tutti i video verticali seguono l’aspect ratio di 9:16. Se parliamo di video verticali sul feed di Instagram, questi arrivano a una dimensione massima di 4:5.

Se volete girare video in questo formato potete attaccare dello scotch di carta sullo schermo della vostra videocamera per inquadrare meglio il video.

Ultimo consiglio riguardante la composizione è di riempire l’inquadratura. Per farlo potete sia avvicinandovi al vostro soggetto oppure mostrare il soggetto da un po’ più lontano ma all’interno di uno sfondo interessante.

  1. COMPRESSIONE DEL BACKGROUND  

Quando gli elementi in secondo piano o sullo sfondo appaiono più grandi di quanto sono realmente si parla di compressione di background. Aumentando la lunghezza focale, tali elementi del background appariranno più grandi. Questo punto è importante quando si girano video in verticale poiché lo spazio a disposizione è più stretto rispetto a quando si girano video in orizzontale.

Se doveste chiederci la migliore lunghezza focale per girare video in verticale e con una buona compressione del background, vi diremmo senza dubbio il 50 mm. Con una lente di questo tipo il viso del vostro soggetto apparirà proporzionato e molto naturale.

  1. USARE TUTTO LO SPAZIO  VERTICALE 

 Usate tutto lo spazio che avete a disposizione e siate creativi. Potreste per esempio creare effetti accattivanti duplicando i vostri filmati e sovrapponendoli uno sull’altro. Questa tecnica la si potrebbe applicare anche con video orizzontali che in post andate a sovrapporre uno sull’altro per riempire bene tutto lo spazio verticale.

Oppure posizionate la clip principale al contro dello spazio e piazzate al di sopra e al di sotto delle clip di dettagli che raccontino meglio la storia. Un’altra idea potrebbe essere quella di inserire dei testi sulla parte superiore o inferiore del vostro video.

Bene, questi erano i nostri  consigli per girare al meglio video verticali. Ricordatevi sempre di sapere in quale formato verticale dovrete poi pubblicare il video a seconda anche del social media a cui è destinato.

Non ci resta che augurarvi buone riprese!

Seguiteci su Instagram e YouTube per non perdervi contenuti di viaggio e documentari!